Alla Trattoria La Corte Galluzzi i sapori di una volta

A Bologna quasi ovunque si può assaporare la cucina tradizionale, ma La trattoria La Corte Galluzzi fa un passo oltre e torna al passato

LA TRATTORIA LA CORTE GALLUZZI - ESTERNO

Dal cortile medievale di accede in un locale d’antan dove nelle varie salette anche al piano interrato, i tanti dettagli dell’arredamento rispecchiano la missione del percorso gastronomico.

Qui non si vuole proporre quello che la città bolognese ormai offre da tempo, ma qualcosa di più, ma piatti autentici che affondano le radici nel territorio e nel passato. Per questo la nuova gestione con una ricerca accurata e la collaborazione di Luca Cesari, storico gastronomico, ha costruito un menù davvero speciale.

Piatti dimenticati, piatti contadini per riscoprire i sapori di una volta affiancati da quelli realizzati con le ricette originali e sempre attuali di Pellegrino Artusi.

Trattoria La Corte Galluzzi

Per chi poi si vuole immergere completamente all’inizio del XX secolo ecco il Percorso Artusiano, menù dedicato composto solo dalle portate codificate dall’autore de “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”.

Per gli antipasti si parte come di consueto con le crescentine accompagnate da salumi e formaggi selezionati, ma molto intrigati sono i Calzagatti, bastoncini di polenta mista a fagioli e poi fritti,una vera e rara specialità. E poi il Tonno, fagioli e cipolle alla Lamma, l’omaggio ad una famosa trattoria bolognese molto in voga fino agli anni ’80 e il Pollo dorato ricetta n°205, coscia di pollo impanata e fritta.

 

LA TRATTORIA LA CORTE GALLUZZI -

La pasta fresca come di consueto fa da padrona tra i primi piatti, quindi tortellini, tortelloni, gramigna, tagliatelle, strettine ma i cannelloni di magro sono la vera novità.

Tra i secondi classici come carne alla brace, braciole di castrato, fegato in rete o la classica tagliata, c’èl’immancabile cotoletta di vitello alla bolognese senza l’osso e sempre di artusiana memoria il Fricandò di vitello ricetta n°255, ovvero un morbido arrosto di vitello steccato con prosciutto crudo, cotto in casseruola con brodo di manzo.

Pizza napoletana n°609

I dessert attingono sempre nella tradizione dal tiramisù al gelato di crema con le amarene Fabbri, dalle tagliatelle fritte e alle frittelle di riso (ricetta N°179) e alcune golosità dell’ Artusi come la particolare Pizza alla napoletana ricetta n°609 che nulla a che vedere con quello che pensiamo, ma è una crostata di pasta frolla con crema, ricotta e mandorle.

Trattoria La Corte Galluzzi
Corte De Galluzzi 7 D Bologna
tel 051 096357- Chiuso il martedì

Condividi su:

Sezione: